News & Resources

Blog

Latest Insights
Press Releases
Latest Insights

Come l’utilizzo dell’intelligenza artificiale rivoluzionerá le strategie di copertura per i responsabili di tesoreria

by Darryl Hood | October 22, 2019

Panoramica del potenziale che l’intelligenza artificiale porta alla gestione del rischio legato al tasso di cambio e le metriche a esso legate

Di: Darryl Hood, Direttore di Negoziazione e Vendita di opzioni Regno Unito, Cambridge Global Payments

—————————————————————————————————————————

L’IA è attualmente un argomento che fa tendenza nel mondo della tecnologia. Di cosa si tratta esattamente? L’IA è l’intelligenza dimostrata dalle macchine. Una tipica IA percepisce l’ambiente circostante e intraprende azioni che massimizzano le sue possibilità di raggiungere con successo i suoi obiettivi.

Ma lontana dall’essere un concetto futuristico, l’IA fa già parte delle nostre vite. Pensate all’ultima volta in cui Netflix ha consigliato un programma o Siri o Alexa ha riconosciuto la vostra voce. È solo l’inizio e non manca molto prima che numerose aziende possano affidarsi alla IA per le loro decisioni di business chiave.

Andiamo ad analizzare l’impatto che l’IA può avere sui dipartimenti della tesoreria nel futuro.

Sfide che i responsabili della tesoreria devono affrontare quando gestiscono il rischio legato al tasso di cambio

In un sondaggio del 2016, Deloitte ha rivelato che la sfida numero uno per le tesorerie aziendali era rappresentata dalla mancanza di visibilità delle esposizioni valutarie e dall’affidabilità delle previsioni1. Le tesorerie hanno inoltre menzionato altre significative difficoltà:

  • individuazione dell’esposizione manuale e processo di acquisizione
  • capacità di analizzare le esposizioni e di misurare i risultati della copertura

Da questi risultati è chiaro che molti team delle tesorerie aziendali non hanno visibilità sui dati di cui hanno bisogno né la capacità di elaborare simili quantità di dati. Ciò significa che non sono in grado di prendere decisioni informate quando si tratta di gestire il rischio legato al tasso di cambio e di creare le strategie di copertura associate.

Non solo; i dipartimenti di tesoreria gestiscono spesso il rischio legato al tasso di cambio in più paesi e luoghi. La capacità di elaborare sotto-serie di dati provenienti da diverse regioni, paesi e uffici è un’impresa difficile persino per le aziende più sofisticate. Oltre a fattori interni, quali l’affidabilità dello staff all’interno di tali sedi e l’aggiornamento dei sistemi, vi sono fattori esterni come la gestione della liquidità e il credito di controparte con varie istituzioni finanziarie.

Vi è un altro fattore chiave da considerare. In un sondaggio condotto da Deloitte nel 2017, la sfida strategica numero uno per le tesorerie era la volatilità del tasso di cambio2. Quindi, insieme alle sfide relative ai dati che le tesorerie stanno affrontando vi è anche il mercato valutario (FX), noto come uno dei mercati più volatili al mondo, soprattutto con gli attuali livelli di incertezza politica ed economica a livello globale.

In che modo la vostra azienda sta attualmente monitorando e misurando il rischio legato al tasso di cambio?

Secondo lo stesso sondaggio, il 75% di coloro che hanno risposto non sta monitorando attivamente i rischi chiave mediante misure “dei valori a rischio” e meno del 50% di essi sta impiegando l’analisi di sensibilità2. Ciò indica che c’è un margine di miglioramento molto ampio; si tratta forse di una lacuna che l’IA può colmare?

Le misure del valore a rischio sono di solito calcoli complessi; comunque, con l’ausilio dei giusti sistemi e la visibilità dei dati, ciò può essere superato. Il monitoraggio continuo del rischio deve, in teoria, consentire ai dipartimenti di tesoreria di ideare strategie di copertura più informate abbinando tali metriche di rischio agli adeguati strumenti di copertura.

Quando si parla di mercato valutario, gli operatori finanziari utilizzano le tendenze storiche e le tecniche di creazione di grafici del tasso di cambio per formulare previsioni delle fluttuazioni della valuta su più anni. La sfida consiste nel fatto che per la maggior parte i team di tesoreria semplicemente non dispongono delle risorse o della capacità di eseguire le necessarie analisi al fine di prendere decisioni sulla propria strategia di copertura. Inoltre, non dispongono dei dati per imparare dalle precedenti decisioni e creare le future strategie di copertura. L’IA può rappresentare la risposta al problema?

Le potenzialità dell’IA nel mercato valutario

Sappiamo già che i computer hanno una capacità molto superiore di analizzare enormi volumi di dati complessi in modo più rapido rispetto al cervello umano. La maggior parte delle aziende la stanno già sfruttando attraverso sistemi e software di enterprise resource planning (ERP) e gestione di contabilità e tesoreria. Le aziende sono ora in grado di prendere decisioni maggiormente informate in base ai dati raccolti attraverso tutti i loro sistemi aziendali.

Grazie all’IA si potrebbero condividere set di dati attraverso una funzione aziendale globale oltre a fattori esterni come il mercato valutario con un’applicazione IA. La IA può applicare scenari multipli con la sovrapposizione di strumenti e strategie di copertura e fornire indicazioni sulla strategia ottimale in base a un determinato obiettivo. Immaginate i vantaggi in termini di risparmio di tempo e quanto potrebbe essere potente il processo decisionale dei dipartimenti di tesoreria una volta confrontati i dati su un certo numero di anni.

Potrà sorprendervi sentire che i fondi di copertura stanno già testando e applicando questa tecnologia. Secondo un articolo3 di Digitalist, una società di San Francisco utilizza l’IA per sviluppare e ottimizzare le strategie d’investimento:

“L’obiettivo dell’impiego della IA a fini d’investimento sono l’elaborazione continua e l’apprendimento di una quantità infinita di dati mediante il sistema d’intelligenza artificiale distribuita più potente al mondo e lo sviluppo di nuove strategie di investimento che differiscono da altre strategie umane e guidate dalle macchine”.

È chiaro che l’IA può essere utilizzata in diversi modi e prevediamo che tutte le funzioni aziendali la utilizzeranno nel prossimo futuro. Mentre l’IA non sostituirà mai completamente i dipartimenti di tesoreria, quando utilizzata con funzioni consultive potrebbe modificare il modo in cui vengono formulate le strategie di copertura.

Per ulteriori informazioni sulla gestione del rischio legato al tasso di cambio, scaricate la nostra Guida completa ai Pagamenti internazionali

Per parlare con noi di come l’IA può migliorare la vostra strategia di gestione del rischio legato al tasso di cambio, sentiamoci!

 

Bibliografia

  1. Deloitte Global Foreign Exchange survey, 2016
  2. Deloitte’s Global Corporate Treasury Survey 2017
  3. Hedge Funds Employ AI To Redefine The Trading Business, Digitalist Magazine

“Cambridge Global Payments” is a trade name, which in this document refers specifically to one or more of these legal entities: Cambridge Mercantile Corp., Cambridge Mercantile Corp. (U.S.A.), Cambridge Mercantile Corp. (Nevada), Cambridge Mercantile (Australia) Pty. Ltd.

Cambridge Global Payments (“Cambridge”) provides this document as general market information subject to: Cambridge’s copyright, and all contract terms in place, if any, between you and the Cambridge entity you have contracted with. This document is based on sources Cambridge considers reliable, but without independent verification. Cambridge makes no guarantee of its accuracy or completeness. Cambridge is not responsible for any errors in or related to the document, or for damages arising out of any person’s reliance upon this information. All charts or graphs are from publicly available sources or proprietary data. The information in this document is subject to sudden change without notice.

Cambridge may sell to you and/or buy from you foreign exchange instruments (including spot and/or derivative transactions; both kinds are here called “FXI”s) covered by Cambridge on a principal basis.

This document is NOT: 1) Advice of any kind, or 2) Approved or reviewed by any regulatory authority, or 3) An offer to sell or a solicitation of an offer to buy any FXIs, or to participate in any trading strategy.

Before acting on this document, you must consider the appropriateness of the information, based on your objectives, needs and finances. For advice, you must contact someone independent of Cambridge.

Certain FXIs mentioned in this document may be ineligible for sale in some locations, and/or unsuitable for you. Contact your Cambridge representative for further information regarding product availability/suitability before you enter into any FXI contract.

FXIs are volatile and may cause losses. Past performance of a FXI product cannot be relied on to determine future performance.

This document is intended only for persons in Canada, the US, and Australia. This document is not intended for persons in the UK or elsewhere in the EEA. In Australia, this publication has been distributed by Cambridge Mercantile (Australia) Pty. Ltd. (ABN 85 126 642 448, AFSL 351278); for the general information of its customers (as defined in the Corporations Act 2001). This entity makes no representations that the products or services mentioned in this document are available to persons in Australia or are necessarily suitable for any particular person or appropriate in accordance with local law.

Fees may be earned by Cambridge (and its agents) in respect of any business transacted with Cambridge.

The document is intended to be distributed in its entirety. Unless governing law permits otherwise, you must contact the applicable Cambridge if you wish to use Cambridge services to enter a transaction involving any instrument mentioned in this document.

© Copyright 2018, Cambridge Mercantile Corp., ALL RIGHTS RESERVED. No part of this publication may be reproduced, stored in a retrieval system, or transmitted, on any form or by any means, electronic, mechanical, photocopying, recording, or otherwise, without the prior written permission of Cambridge Mercantile Corp. See www.cambridgefx.com for contact details.